Il lettore portatile Winit per tutte le frequenze

La pratica della raccolta rifiuti si è ampiamente rinnovata in questi ultimi anni e le aziende che se ne occupano lo sanno bene. Rimanere al passo con i tempi è la chiave per riuscire a fornire un servizio all’avanguardia e per battere sul tempo le dirette concorrenti. Ecco perché noi di Winit abbiamo pensato a una soluzione che semplifichi ulteriormente il lavoro degli operatori ecologici.

Seguendo gli addetti durante i loro giri quotidiani abbiamo infatti notato varie situazioni che potevano essere migliorate e da questo nostro impegno è nato il nuovo lettore RFID, oggetto unico nel suo genere e molto semplice da utilizzare. Questo ovviamente garantisce il pieno rispetto della privacy dei lavoratori.

Tenere traccia di ogni svuotamento: è possibile?

La risposta a questa domanda è “assolutamente sì”! Il tutto in modo completamente indipendente dalla presenza o meno di antenne a bordo mezzo e dalla tipologia di frequenza utilizzata, poiché il lettore è in grado di collegarsi sia a transponder con frequenza LF che UHF, evitando all’operatore ecologico il disturbo di portarsi dietro due differenti dispositivi.

Il grande problema relativo alle strade strette e ai centri storici, ossia l’impossibilità di raggiungere determinate zone con il camion dei rifiuti, appare in questo modo totalmente aggirato, poiché sarà lo stesso operatore con il suo lettore portatile RFID a eseguire la lettura in modo autonomo. La tecnologia GPS è impiegata poi per geo-referenziare bidoni e sacchetti tramite le informazioni raccolte, registrando in modo automatico gli indirizzi, senza bisogno di trovarsi nei pressi dell’automezzo.

Struttura e impermeabilità

Il nostro lettore RFID piccolo, leggero e adatto ad essere portato in tasca senza problemi, non è soggetto a usura e conserva la sua funzionalità in ogni condizione d’uso. L’impugnatura antiscivolo consente agli operatori di maneggiarlo facilmente anche quando si indossano i classici ingombranti guanti, mentre tramite l’unico tasto presente si possono svolgere tutte le funzioni utili. Quest’ultima caratteristica risulta essere molto importante poiché, durante la classica giornata di lavoro, si devono effettuare centinaia di singole letture e la continua verifica del tasto da premere porterebbe via molto tempo al lavoratore.

Il dispositivo è poi in grado, come detto, di riconoscere sia le frequenze LF che quelle UHF, scansionando in entrambi i casi il codice univoco associato e registrando l’orario di svuotamento dei bidoni. Inoltre, poiché è noto a tutti che la pratica di raccolta rifiuti debba essere eseguita anche nei giorni di maltempo, il lettore è stato dotato di certificazione IP65, la quale garantisce impermeabilità da schizzi, pioggia e umidità. La ricarica dell’apparecchio può avvenire tramite un comune alimentatore da muro o da accendisigari, da collegare in maniera molto semplice persino sul mezzo utilizzato per il servizio.

La tecnologia associata

La gestione del lettore e di tutto il sistema avviene tramite un software per conteggio e svuotamento messo a punto da un nostro partner specializzato. Questo programma si presenta molto semplice e performante e consente di trasmettere le letture:

  • via GPRS, grazie a una scheda SIM, o Wi-Fi del mezzo, quando ci si trova lontani dalla sede;
  • via Wi-Fi aziendale o Bluetooth, quando ci si trova in sede.

Inoltre, è possibile caricare all’interno del lettore alcune liste. Un esempio è quello delle Black List che, tramite un messaggio a display e un suono distintivo, avvisano l’operatore ecologico nel caso si verifichi una situazione non a norma, come nel caso della lettura di un sacchetto appartenente a un individuo insolvente.
Il dispositivo consente poi di segnalare materiali a terra o contenitori dei rifiuti non conformi, ad esempio rotti.

[Voti: 32   Media: 4.7/5]