Cosa sono i marcatempo e a cosa servono

Tra i compiti assegnati al responsabile del personale, da qualche anno meglio noto come responsabile HR, rientra la gestione dei badge, strumento che consente la rilevazione delle presenze e il controllo dei dipendenti impegnati in attività condotte in mobilità.

Ancora oggi, le aziende di piccole e grandi dimensioni fanno ricorso ad orologi timbratori e a schede da compilare manualmente. Molti metodi richiedono una necessaria copiatura dei dati sul foglio presenze, da trasmettere successivamente al consulente del lavoro. Dotandosi di tornelli e di badge caratterizzati da una tecnologia “datata”, occorre fronteggiare due svantaggi non indifferenti, soprattutto al cospetto di grandi realtà.

La timbratura potrebbe non essere rapida e creare code di dipendenti, mentre il controllo dell’attività del personale fuori sede (ad esempio in trasferta e nelle ore trascorse in cantiere) potrebbe essere difficoltosa.

Cosa caratterizza un rilevatore di presenze di qualità

La facilità d’uso è un fattore determinante nella fase di valutazione di uno strumento per la rilevazione delle presenze. Dipendenti e collaboratori devono essere in grado di utilizzarlo evitando inutili perdite di tempo. Ma cosa garantisce tale semplicità? L’impiego di tecnologie avanzate.

Dal canto suo, le batterie a lunga durata (come quelle al litio) assicurano un utilizzo continuo. Inoltre, negli ultimi tempi sono giunti sul mercato modelli dotati di display OLED, capaci di dotare lo strumento di nitidezza e luminosità sorprendenti.

Dal GPS al GPRS: tecnologie all’avanguardia per il monitoraggio dell’attività dei dipendenti

Approfondiamo ora il tema relativo alle recenti tecnologie. Avere a disposizione GPS o TAG RFID, e, al contempo, fare affidamento a GPRS (o Wi-Fi) garantisce la trasmissione automatica dei dati registrati.

Le aziende che si affidano ai prodotti Winit, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di sistemi volti a facilitare e a rendere ancora più efficienti le operazioni di rilevazione e controllo delle presenze (sia in sede che fuori sede), non hanno alcuna difficoltà a rilevare le presenze e, di conseguenza, a elaborare le ore di lavoro del proprio personale. I vantaggi, da questo punto di vista, sono molteplici, e vanno dall’assenza di errori (che a loro volta comporterebbero spreco di tempo e risorse per la correzione) all’ottenimento di informazioni rilevanti a fine statistico.

L’importanza assunta dai software nei prodotti più recenti

Grazie ai software applicativi, le aziende stesse hanno modo di ricavare consuntivi personalizzabili. Ovviamente, i prodotti Winit vengono progettati nel pieno rispetto di quanto disposto dalla legge in tema di privacy dei dipendenti, mettendo nelle mani dei responsabili una valida soluzione per far fronte all’annoso problema dell’assenteismo, una piaga che da diversi decenni sembra ancora lungi dall’essere debellata.

Winit e gli strumenti per il controllo collaboratori e dipendenti

Winit presenta all’interno del suo catalogo una serie di marcatempo facili da usare e, al contempo, dotati di tecnologie innovative. Acquistare uno dei modelli portatili significa disporre di uno strumento efficiente in qualsiasi situazione, inclusi ambienti caratterizzati da criticità a livello di pulizia e temperature.

Winit ha lanciato sul mercato diversi strumenti per il controllo dipendenti realizzati in materiale impermeabile e ospitanti un unico tasto. L’obiettivo finale, ossia disporre di informazioni puntuali e in tempo reale dell’effettivo orario di lavoro, sarà facilmente raggiungibile.

 

 

Photo credits: it.freepik.com

[Voti: 0   Media: 0/5]